Pagine

martedì 18 aprile 2017

Volete l'amatriciana? Ve la cucino io! - 10a data - 8 aprile 2017

L'evento pontese di "Volete l'amatriciana? Ve la cucino io!" era nei miei pensieri fin dall'inizio di questa mia attività solidale. Solo la data andava individuata. L'occasione si è presentata nel momento in cui, come da ormai sei anni, abbiamo voluto organizzare l'annuale Apertura della Fossa invitando come al solito un bel pò di gente!! Nelle precedenti edizioni si è sempre mangiato un primo fatto al momento, l'edizione 2017 è stata quindi la miglior occasione per proporre una Amatriciana solidale!!! Per raccogliere qualcosa in più abbiamo organizzato anche una simpatica asta di beneficienza, ottima occasione per divertirsi ed acquistare ottime prelibatezze gastronomiche.
Ringrazio tutti i partecipanti, più di sessanta persone, per l'offerta generosa che ha portato ad una contribuzione di 690 euro,  versati sul conto individuato dal Comune di Amatrice per l'iniziativa "Adotta un'opera", qui l'elenco di opere che si possono adottare al fine di devolvere raccolte di denaro per la loro ricostruzione.
Come già sapete, io ho scelto di contribuire per la ricostruzione della sede della Pro-Loco, causale codice 007. Chi ha partecipato alle precedenti cene e chi mi ha seguito fin dalla mia prima dichiarazione di intenti del 27 agosto scorso, non può non convenire con me che la mia prima scelta debba essere questa! La conservazione della cultura enogastronomica della zona  e della Sagra degli Spaghetti all'Amatriciana è il mio primo intento.....chi meglio della Pro-Loco può farlo?
Come sempre, qui, sulla spalla di sinistra del blog potete vedere il calendario con le date possibili (in verde) per le prossime cene. Contattatemi numerosi!

giovedì 16 marzo 2017

La mia prima volta al Mercato Centrale di Roma - 14 Marzo 2017

Finalmente je l'ho fatta! E m'è popo piaciuto!! :)
Sono rimasto favorevolmente colpito dalla realizzazione architettonica del progetto Mercato Centrale di Roma e dall'impatto socio-urbanistico che reputo molto positivo nell'ambito della riqualificazione dell'area Termini. Era tempo che non mi capitava di passare su via Giolitti che ricordavo buia e desolata ...... martedi sera l'ho riscoperta illuminata, viva, sicura!
Molto godibile anche la realizzazione architettonica interna su progetto dello studio Q-bic che ha evidenziato le originali alte volte in mattoni e l'enorme Cappa Mazzoniana anni '30 sotto la quale è stato posizionato il bancone del cocktail bar. Sapiente e conservativo l'utilizzo dei materiali utilizzati per le nuove realizzazioni. Mozzafiato la vista dalle due terrazze interne arrampicate su verso le volte. Funzionale il posizionamento degli stands che ha reso possibile la distribuzione di circa 500 posti a sedere.
Ma il bello è che la vera vocazione del mercato è stata rispettata!

Si può passeggiare tra i banchi e sbirciare sui banconi, con un bel calice di vino, aspettando che una delle preparazioni fatte al momento ci titilli la papilla! E i titillatori sono tutti di prima qualità: Liberati per la carne, Seu per la pizza, Callegari per il trapizzino, Bonci per il pane ed i dolci, Bellincampi per il fritto - solo per nominarne alcuni - e poi la scelta varia sulle verdure, sul pesce e poi tartufo, vegetariano, vegano. Ho gradito molto la postazione di mescita vino di Luca Boccoli e Stefano Magistri, ottima selezione di italiani e francesi a costi accessibili.

E comunque lo spunto per questa visita al Mercato Centrale è stato quello di assaggiare di nuovo le pizze di Pier Daniele Seu in questa sua nuova collocazione e organizzazione. Forno diverso quindi giustamente impasto diverso, ma sempre ottimo per leggerezza e digeribilità. Centrata la cottura, anche se, soprattutto le pizze "rosse" conviene mangiarle a portafoglio visto che al centro la pasta è veramente sottile :) Ottimi i condimenti, ho trovato molto migliorata la salsa di pomodoro.
Tornerò spesso al Mercato Centrale!


mercoledì 1 marzo 2017

Enotica - VII edizione del Festival del Vino e della Sensualità - 17,18 e 19 Marzo 2017 - Roma



VII edizione del Festival del Vino e della Sensualita'
17, 18 e 19 marzo 2017
Odori, sapori ed effusioni da un altro mondo possibile!
Tre giorni ad alto tasso afrodisiaco, 
dedicati all’immortale connubio fra Vino ed Eros.

Degustazioni di vini e cibi biologici e biodinamici, provenienti da tutta Europa.
Cinema. Cabaret. Concerti. Mostre. Dj set.

Enotica, la manifestazione più attesa della primavera romana, dedicata all’immortale connubio fra Vino ed Eros, per il settimo anno si presenta come uno degli eventi più variegati della stagione.
Dal 17 al 19 marzo, la suggestiva ed unica location del Forte Prenestino, storico spazio romano occupato ed autogestito, diventa teatro di un novello “baccanale” e punto di snodo della cultura critica ed indipendente; avanguardia di uno stile di vita alternativo ai ritmi frenetici del vivere quotidiano. Tre giorni di degustazioni e spettacolo dal vivo, in cui la condivisione di un buon bicchiere di vino si unisce alla musica, all’ arte, alla poesia, in un incontro di piaceri. La manifestazione conduce i visitatori attraverso un percorso sensoriale d’eccezione, ricco di suggestioni inebrianti e di piena libertà per le papille gustative ed i neuroni in fermento.
Confermando la line up delle precedenti edizioni, il programma offre tre giorni di concerti, mostre, spettacoli ed i prodotti di circa 60 vignaioli e contadini autentici, appassionati testimoni dell’antico messaggio che unisce la dolcezza del vino alla convivialità.
Protagonista è il Vino Critico, rigorosamente biologico e naturale, di provenienza certificata, che non specula sul prezzo, che rispetta l’ecosistema e rigorosamente non filtrato e deviato dalla produzione agricola industriale di massa.
Co-protagonista, naturalmente, il Cibo, con una ricca offerta di prodotti contadini provenienti da diversi territori europei, che esaltano l’importanza della biodiversità insieme alla produzione biologica. Enotica esalta i prodotti degli artigiani del vino e dei cibi biologici e biodinamici nell’incontro con i consumatori, per favorirne il consumo critico e consapevole, che presuppone la conoscenza dei prodotti, il desiderio di trasparenza sui prezzi, la cura dell’impatto ambientale. L’Eros è l’ospite speciale, la sottile energia e vibrazione dionisiaca che il tasso alcolico ed un buon pasto possono favorire nell’essere umano. Performance, installazioni, concerti e cabaret dal retrogusto afrodisiaco.
Enotica nasce dall’esperienza dell’Enoteca Forte Prenestino, che dal 2004 persegue il percorso iniziato dalla prima edizione di Terra e Libertà/Critical Wine, iniziativa che ha avuto tra i suoi principali ideatori l’anarco-enologo Luigi Veronelli, con l’ambizioso obiettivo di contrastare le catene di distribuzione, per riscoprire la sensorialità del gusto e immaginare un circuito virtuoso tra qualità dell’ambiente, della produzione e delle relazioni sociali. Anche quest’anno si potrà votare il vino più Enotico!
Ingresso: 5 euro
domenica sottoscrizione libera fino alle ore 14:00 / dalle 14:00 in poi sottoscrizione 3 euro
c.s.o.a Forte Prenestino . via F. Delpino s.n.c. Roma
Diffusione e Stampa: ARTINCONNESSIONE. artinconnessione@gmail.com tel +39.3932969668  . www.artinconnessione.com

PROGRAMMA 2017
Le Degustazioni
Venerdì 17 dalle ore 16:00 alle ore 22:00
Sabato 18 dalle ore 15:00 alle ore 21:00
Domenica 19 dalle ore 14:00 alle ore 20:00
L’accesso è consentito fino ad un ora prima della chiusura
Il Mercato (TerraTerra, Genuino Clandestino e altre realtà contadine)
Venerdì 17 dalle ore 17:00
Sabato 18 dalle ore 15:00
Domenica 19 dalle ore 9:00

Venerdi 17 Marzo
Nei sotterranei – Degustazione dei vini dalle 16.00 alle 22.00
Cerca nelle celle il pasticcere dell’Amore e le sue “Dolci Effusioni”. Scopri la sua crema Enorotica
Dj set dalle 15:00 alle 22:00 ( piazza destra: 22 DJ TRICKBABE _  sotterranei  MARIO DREAD)

Palco Grande _ Piazza d’armi

ore 22.00 _ concerto di Skasso
Skasso è musica allo stato puro, musica di tutti i generi fusa nel ritmo ska in levare della musicaa jamaicana con una nota Cantautoriale. Gli Skasso nascono nel 2008 a Ciciliano, in provincia di Roma, dove i componenti del gruppo hanno origini e radici. Finiti i primi lavori iniziano le esperienze live della band, a cui immediatamente vengono proposte serate, apprezzate dal pubblico per la potenza musicale e l’impatto carismatico dimostrata sul palco. Stay Rude, Stay Skasso!
23:15 _ concerto di Adriano Bono Power trio
Autore, cantante, polistrumentista, organizzatore di eventi e produttore dalle mille anime musicali. Nell’autunno del 2009 divorzia dal collettivo Radici Nel Cemento, della quale dal 1993 era stato fondatore, cantante e autore. Nello stesso periodo fonda e milita anche ne La Tribù Acustica. Nell’autunno del 2008 vara La Minima Orchestra. Dal 2009 è l’ideatore e il direttore artistico di uno spettacolo itinerante chiamato “The Reggae Circus”. Nel Settemre del 2012 esce il suo primo disco solista, a nome Adriano Bono e la Banda De Piazza Montanara, intitolato ‘996 Vol.1’ e interamente dedicato ai sonetti romaneschi di Giuseppe Gioachino Belli. Nel Maggio 2015 e 2016 è il direttore artistico delle prime due edizioni del Pé Strada – Buskers Festival for Emergency.
00.30 _ concerto The Club Swing Band
Formazione composta da sette musicisti accomunati dalla passione per lo swing e da un’amicizia consolidata attraverso svariate peripezie musicali. Il gruppo è di Alvito e nasce nel 2004 come quartetto. Prende il nome da un club della loro citta, una sorta di centro giovani autogestito arrangiato in una vecchia casa in rovina, dove avevano la loro sala prove. Forti di una coinvolgente presenza sul palco, rodati dalle diverse date e da un intero tour negli U.S.A. assicurano show decisamente coinvolgenti.
2:00 chiusura

Sabato 18 marzo
Nei sotterranei – Degustazione dei vini dalle 16.00 alle 22.00
Cerca nelle celle il pasticcere dell’Amore e le sue “Dolci Effusioni”. Scopri la sua crema Enorotica.
Djset dalle 18:00 alle 21:00 Dj set 15.00 – 22.00 (Orange Beat Sound System e Mario Dread)

Sala da tè
ore 20:00 _ concerto Goodbye Horses
Palco grande _ Piazza d’armi
21:30 _ concerto/performance burlesque di Lilith Primavera
È una performer che lavora col corpo ed una regista situazionista che mostra mondi alternativi, cosmi privati e incubi collettivi. Si esibirà cantando e suonando il basso. Ad accompagnarla Mirko D’Ettori alla voce ed alla fisarmonica e Giuditta Sin in una performance burlesque.
22:45 _ concerto di Funky Pushertz
Mastunzò, Reddog, Boom Buzz i rapper, Kayaman il singer e Tonico70 il beatmaker: sono i Funky Pushertz e provengono dall’hinterland partenopeo. La crew Funky Pushertz nasce nel 2003, con l’intento di ricercare il proprio sound nelle radici della black music. Il suono, pur rimanendo aperto alle più varie influenze, accentua sempre di più quello che ormai è diventato il loro marchio di fabbrica: Il Funk. Da ciò l’esigenza di registrare il disco anche con l’ausilio di musicisti e di conseguenza portare live sui palchi uno show sia in dj set che con band.
23:50 _ concerto dei Kutso
I componenti di questa band uniscono scherzo e provocazione ad un linguaggio musicale gioiosamente frenetico. La loro musica solare e irriverente è il tappeto sonoro di testi segnati da forti dosi di simpatico disfattismo e smielato sarcasmo. I concerti, veri e propri mix esplosivi di nonsense, disperazione, movimenti inconsulti, invettive e travestimenti estemporanei trasportano il pubblico in un’atmosfera surreale e sgangherata. Nel 2013 hanno pubblicato il loro primo album ufficiale “Decadendo (su un materasso sporco). Il primo singolo estratto, “Lo sanno tutti”, è stato accompagnato da un video irriverente girato con la crew di comici “The Pills”.
00:45 _ concerto dei Lemon Squeezers
Un mix di electro swing, funk e dance esplosivo; storico gruppo del panorama musicale bresciano. Con le loro composizioni creano sonorita` originali combinando stili e atmosfere musicali di periodi diversi a sonorita` elettroniche. Sono sinonimo di entusiasmo, testimoni di una leggerezza complicata, un centrifugato di energia nuova.
2:00 chiusura

Domenica 19 Marzo
N
ei sotterranei – Degustazione vini dalle 14.00 alle 20.00
La domenica vede una versione più soft e più familiare di Enotica.
L' eros lascia il posto da protagonista al buon cibo naturale e alla convivialità
Palco Grande _ Piazza d’armi
dalle ore 14:00 Radio Forte, a seguire il djset Soul Kitchen, Dj Rebel, Mario Dread


ore 18:00 _ concerto dei Pink Puffers
I Pink Puffers Drum & Brass Phunk Band, visti da lontano, sono una brass band, ma un occhio esperto capisce che, piucchealtro, non è così: da davanti è un conto, da dietro un altro, da destra e da sotto un altro ancora; da fuori non fanno del male a nessuno, ma chi ci è entrato dentro non è più tornato. I Pink Puffers sono musicisti a fiato e a percussione, ma non necessariamente in quest’ordine. Si possono dividere in due gruppi: gli strumenti e le persone, cioè sassofoni, sousaphoni, trombe, tromboni e percussioni. I Pink Puffers sono una brass band che si ispira, quindi, al funk genetico delle brass band americane, modificato però dalle deviazioni e perversioni rock in cui sono nati, crescuiti e sopravvissuti la maggior parte dei musicisti Pink Puffers, e non solo. Il risultato è un genere che non è Punk e non è Funk, ma è PHUNK; un genere che va dal soul all’heavy metal, passando per il jazz e l’hard rock senza nessun limite o pregiudizio raziale. Unica condizione è che ci vuole fiato!
ore 19:15 _ concerto dei Wogiagia
Nascono nel febbraio 1999 nella periferia Nord di Roma, con lo scopo di “musicare” le prime “liriche reggae” che già da tempo alcuni dei componenti scrivevano sotto forma di poesia. La prima formazione a cinque lascia ben presto il posto ad una più ampia che fa della contaminazione musicale la connotazione principale del progetto: reggae, jazz, rock, ska. Dal 2011, i quattro album dei Wogiagia, compreso l’ultimo: FACCIO CAUSA AI 7 NANI, sono usciti in vendita in tutti i più importanti Stores digitali. Nel 2014 la band ha presentato “In coda” il nuovo disco, prodotto attraverso il crowdfunding.
Tra un bicchiere di vino e l’altro verranno servite acrobazie, giocolerie, danza, musica.

I promotori _ ENOTECA FORTE PRENESTINO_ L’ Enoteca CSOA Forte Prenestino, nasce ufficialmente nel 2008, ma il suo percorso inizia già qualche anno prima con l’organizzazione, nel 2004 e nel 2006, delle due edizioni romane della c.d. Critical Wine. Il progetto delle “Fiere dei particolari” Critical Wine nacque nel 2003, dall’incontro tra Luigi Veronelli, l’anarcoenologo, e quei movimenti sensibili ai problemi della terra, dell’ambiente e dell’agricoltura. Il risultato di questo incontro è stato la nascita di un progetto che vede uniti produttori e consumatori contro un’agricoltura estensiva e industriale, per la valorizzazione dei vitigni autoctoni e della vinificazione artigianale; per la trasparenza sui prezzi e i ricarichi della filiera distributiva. Tra le proposte avanzate da questo movimento: il catalogo di autocertificazione terra e libertà/critical wine, ossia il diritto/dovere di indicare l’origine delle materie prime, la loro tipologia, i metodi di trasformazione, di conservazione e di confezionamento usati, affinché possa essere giudicata la qualità del prodotto prima dell’acquisto e possa essere conosciuta interamente la filiera produttiva; la denominazione comunale d’origine, affinché la produzione e la provenienza della relativa materia prima di ogni singolo territorio sia garantita e certificata dal sindaco, in modo tale da localizzare le responsabilità relative ai rapporti di produzione, alla qualità e ai prezzi dei prodotti;  il prezzo sorgente, ossia il primo prezzo al quale il produttore vende il proprio prodotto prima di ogni altro ricarico dell catena commerciale, persegue gli obiettivi summenzionati attraverso, soprattutto, il rapporto diretto con i  produttori, senza intermediari e con una continuità che dura, nella maggior parte dei casi, sin dalle origini del progetto stesso.

Le Attività _ Partecipa ed è tra i promotori dell’iniziativa Terra Terra, progetto di un mercato auto-organizzato da produttori locali e biologici, che si rifà ai principi del movimento di Terra e libertà/critical wine, con un respiro più ampio, che non solo riguarda la produzione vitivinicola, ma tutta la produzione agricola, i suoi derivati e le sue lavorazioni, dall’olio alle verdure, dal pane ai formaggi, salumi, miele, e prodotti per l’igiene e farmaceutici, completamente naturali e non testati su animali. L’Enoteca csoa Forte Prenestino è soprattutto uno spazio libero, uno spazio di libera convivialità, in cui in questi anni si è stato dato spazio a numerose iniziative musicali e artistiche, nel significato più ampio del termine, che hanno dato un forte contributo e sostegno al progetto suddetto. Inoltre, è possibile assistere a serate di degustazione dei vini venduti presso l’enoteca stessa, presentati dagli stessi produttori, che raccontano agli astanti, la meravigliosa avventura della nascita dei propri vini, autocertificando così, attraverso le loro storie e con le loro parole l’originarietà e la tipicità dei loro prodotti.

Ingresso: 5 euro c.s.o.a Forte Prenestino . via F. Delpino s.n.c. Roma www.enotica.net
Diffusione e Stampa: ARTINCONNESSIONE. artinconnessione@gmail.com
tel +39.3932969668  . www.artinconnessione.com

Comunicazione e Ufficio Stampa
Promozione 2.0
Organizzazione di eventi
Creazione website


official website artinconnessione.com
official fb fan page facebook artinconnessione

giovedì 16 febbraio 2017

Cantine d'Italia 2017 - GoWine - Giovedì 2 Marzo 2017 - Roma



GIOVEDI’ 2 MARZO 2017
Savoy Hotel - Via Ludovisi, 15 – ROMA
“CANTINE D’ITALIA 2017”

Evento di degustazione
Go Wine promuove a Roma una serata dedicata alla Guida Cantine d’Italia 2017, un’occasione non solo per presentare nella Capitale l’edizione 2017 della Guida, ma anche per conoscere e degustare vini interessanti e dialogare su itinerari e turismo alla scoperta di cantine e territori.
Un parterre di aziende presenti sul volume partecipa alla serata animando il banco d’assaggio; alcune incontrando direttamente il pubblico, altre con i vini di riferimento nella speciale enoteca che viene allestita.
Sarà un’occasione per compiere un’ideale viaggio fra diversi territori del vino italiano, raccontati da uomini e donne del vino che hanno fatto dell’incontro con il turista del vino una parte importante della loro filosofia aziendale. Vi aspettiamo!

Nei prossimi giorni l’elenco delle cantine aderenti

Programma e orari:
Ore 16,30 – 18,30: Anteprima: degustazione esclusiva per operatori professionali 
(titolari di Ristoranti, Enoteche e Wine Bar)  
Ore 18,30: breve conferenza di presentazione dell’evento
Ore 19,00 alle 22,00: apertura del banco d’assaggio al pubblico di enoappassionati

Il costo della degustazione per il pubblico è di € 15,00, Soci Go Wine € 10,00, riduzione soci associazioni di settore € 12,00. L’ingresso sarà gratuito per coloro che decideranno di associarsi a Go Wine direttamente al banco accredito della serata (benefit non valido per i soci familiari).  L’iscrizione sarà valevole fino al 31 dicembre 2017.
Per una migliore accoglienza è consigliabile confermare la presenza alla serata all’Associazione Go Wine, telefonando al n°0173/364631 oppure inviando o un’e-mail a stampa.eventi@gowinet.it entro le ore 12.00 di giovedì 02/03 p.v..

martedì 17 gennaio 2017

Catalina Casa de Comidas y Más - 2 Dicembre 2016 - Sevilla (Espana)

Ultimo viaggetto in terra andalusa ...... nella splendida città di Siviglia!!!
Ogni volta che torno in Spagna mi sento come a casa ... avrò qualche gene spagnolo nel mio Dna :)

Avevamo una referenza consigliata per una delle cene previste ... gran bel consiglio. Grazie Giacomo!
Ristorante dall'ambiente gradevole, arioso, piacevolmente illuminato. All'ingresso un bel bancone con delle splendide cassette di funghi freschi.
Proposte gastronomiche molto interessanti, abbinamenti tra la tradizione ed il fusion, ottima materia prima e buona cucina. Prezzi onesti. Carta dei vini ben fatta studiata su etichette territoriali. Servizio attento. La cameriera che ci ha servito si chiama Andrea è molto simpatica e disponibile alla spiegazione dei piatti. Grazie Andrea!


-Tataki de Atun con Yaki Udon
Tirabeques, Edamame & Cebolla Japonesa
-Pulpo a la Parrilla con Berenjena a la Llama
y Makis de Patata & Bacalao suave
-Alcachofa Confitada
con Brandada de Bacalao & Gratinada
con emulsion de su Pil Pil
-Pan Gao Bao 
Calamares fritos, Tempura de Aguacates, Maionesa de Chipotle, Alga Aguacate
-Croquetas de Merluxa con mejillones en escape
-Dulce artesanal

Catalina Casa de Comidas
Plaza Padre Jerónimo de Córdoba, 12
41003 Sevilla - España
www.catalinacasadecomidas.com

venerdì 13 gennaio 2017

Volete l'amatriciana? Ve la cucino io! - 9a data 01 gennaio 2017

L'anno 2017 non poteva non iniziare con una Amatriciana familiare alla presenza della famiglia Simoni allargata!
Il classico pranzo familiare del giorno di Capodanno a casa dei miei zii Gina e Giorgio è stata una splendida occasione. Ringrazio i miei zii per avermi "ingaggiato"! :)
La mia famiglia affonda le sue radici nella terra martoriata dagli eventi sismici di agosto ed ottobre ..... tradizioni, cultura, insegnamenti, storie, luoghi, tempo trascorso insieme .... troppe le motivazioni nei nostri cuori per non essere vicini emotivamente alle popolazioni direttamente interessate dai lutti e dai disagi di questa tragedia.
Naturalmente ero preoccupato per il giudizio di palati abituati a gustare le amatriciane storiche delle mie nonne e dei migliori cuochi di Ponte (da qui le mie ispirazioni gastronomiche!), sono felice di aver ricevuto complimenti e gradimenti :)

Ringrazio tutti i partecipanti per l'offerta generosa che ha portato ad una contribuzione di 210 euro, primo versamento sul conto individuato dal Comune di Amatrice per l'iniziativa "Adotta un'opera", qui l'elenco di opere che si possono adottare al fine di devolvere raccolte di denaro per la loro ricostruzione.
Io ho scelto di contribuire in prima battuta, per la ricostruzione della sede della Pro-Loco, causale codice 007. Chi ha partecipato alle precedenti cene e chi mi ha seguito fin dalla mia prima dichiarazione di intenti del 27 agosto scorso, non può non convenire con me che la mia prima scelta debba essere questa! La conservazione della cultura enogastronomica della zona  e della Sagra degli Spaghetti all'Amatriciana è il mio primo intento.....chi meglio della Pro-Loco può farlo?
Come sempre, qui, sulla spalla di sinistra del blog potete vedere il calendario con le date possibili (in verde) per le prossime cene. Contattatemi numerosi!

domenica 25 dicembre 2016

Volete l'amatriciana? Ve la cucino io! - 8a data 15 dicembre 2016

Otto date, otto cene, in nemmeno 4 mesi la raccolta di fondi per le aree terremotate di "Volete l'amatriciana? Ve la cucino io!" supera il tetto dei 3.000 euro!!!! Oltre ogni mia aspettativa! Grazie a tutti, veramente grazie!
L'ottava cena si è svolta a casa di Roberta Estate Varriale che ringrazio per la sua disponibilità e per la splendida organizzazione.
In questo caso ho preparato l'amatriciana con la classica padella di ferro e non con la mia fidata batteria di alluminio, infatti la cucina a mia disposizione era a piastre ad induzione e l'alluminio non è un materiale utilizzabile. Altra novità: in questo caso ho utilizzato per la prima volta del guanciale affinato da me e da mio padre. Sono rimasto soddisfatto da entrambe le "novità". Amatriciana veramente gustosa!
Durante il resto della cena, gustosissima, abbiamo anche assaporato le lenticchie che Roberta e i suoi colleghi hanno acquistato dall'azienda agricola De Carolis Adelino di Civita di Cascia, zona terremotata a seguito della scossa del 30 ottobre. Lenticchie ottime!
Ringrazio tutti i partecipanti per l'offerta generosa che ha portato ad una contribuzione di 230 euro immediatamente versati sul conto iban: IT13W0832773470000000005050 intestato al Comune di Amatrice messo a disposizione per gli invii di denaro a seguito del Sisma di Agosto 2016.
Sul sito istituzionale del Comune di Amatrice è disponibile un elenco di opere che si possono adottare al fine di devolvere raccolte di denaro per la loro ricostruzione.
D'ora in poi verserò le raccolte delle prossime cene sul conto iban IT37O0832773470000000005400 individuato dal Comune di Amatrice proprio per questo fine. Ho scelto di contribuire in prima battuta, per la ricostruzione della sede della Pro-Loco, causale codice 007. Chi ha partecipato alle precedenti cene e chi mi ha seguito fin dalla mia prima dichiarazione di intenti del 27 agosto scorso, non può non convenire con me che la mia prima scelta debba essere questa! La conservazione della cultura enogastronomica della zona  e della Sagra degli Spaghetti all'Amatriciana è il mio primo intento.....chi meglio della Pro-Loco può farlo?

Come sempre, qui, sulla spalla di sinistra del blog potete vedere il calendario con le date possibili (in verde) per le prossime cene. Contattatemi numerosi!